Scopri La Graciosa

L'isola de La Graciosa mostrata da questa immagine scattata da Lanzarote che riprende Caleta de Sebo e tutta l'ottava isola canaria

Esplorando la Riserva Marina dell’Arcipelago Chinijo

L’isola fa parte della Riserva Marina dell’Arcipelago Chinijo, la più grande d’Europa, che comprende 70.700 ettari dove si concentra la massima biodiversità marina delle Canarie.
Partendo da Caleta del Sebo, una passeggiata di 4 chilometri lungo la costa – raggiungibile anche in taxi 4×4 – ci separa dal paesaggio bello e desolato del sud di La Graciosa.
Qui ci aspetta la Montaña Amarilla, un antico vulcano il cui colore suggestivo contrasta con il cielo azzurro e il mare turchese.

La Leggenda di Montaña Amarilla

È sulla cima di questa montagna nelle Isole Fortunate che, secondo la leggenda, la strega Armida portò il soldato crociato Reinaldo, di cui si era innamorata, rendendolo prigioniero in un lussureggiante giardino custodito da un drago, un leone e una fontana incantata la cui acqua faceva scoppiare in risate fino alla morte.

La storia contrasta con la dura realtà della vetta. Il percorso termina alla Playa de la Francesa, una vasta spiaggia di sabbia bianca spesso affollata, poiché molte barche che visitano la zona attraccano qui.

Esplorando la Costa Nord in Bicicletta

Alla sua estremità, tuttavia, un sentiero stretto ci conduce a una bellissima insenatura ai piedi della Montaña Amarilla: è la Playa de la Cocina. Il modo migliore per muoversi nell’isola è in bicicletta, che può essere noleggiata a Caleta del Sebo.

Spiagge e Paesaggi Impressionanti

Dopo aver superato le due principali elevazioni del centro dell’isola, le caldere vulcaniche di Aguja Grande e Aguja Chica, ci dirigiamo verso la selvaggia Playa de Baja del Ganado sulla costa nord.
Pedalando un po’ più a nord, troviamo anche Playa de las Conchas, una vasta e solitaria spiaggia di sabbia battuta da forti correnti oceaniche dove è facile sentirsi come un naufrago su un’isola deserta.

Icone di La Graciosa: Los Arcos de los Caletones e Playa del Ámbar

Costeggiando la costa, ci imbattiamo in una delle immagini iconiche di La Graciosa: Los Arcos de los Caletones, archi naturali di basalto formati dall’erosione delle onde del mare che scorrono sotto di loro.
E un po’ più avanti, Playa del Ámbar, esposta anche alle correnti dell’Atlantico e circondata da dune di sabbia. Nel nostro ritorno a Caleta del Sebo, passiamo dall’altro luogo dell’isola dove è arrivata la civiltà: il villaggio di Pedro Barba, un paese fantasma con solo un pugno di case bianche per chi cerca privacy e molta tranquillità.

       

    ISOLA DI LA GRACIOSA